Scade il 15-07-2018

Tutti di recente apertura, questi indirizzi hanno rivoluzionato la pausa pranzo bolognese. Ciascuno col suo stile, ovviamente, e col suo teatro di avventori. Ciascuna è ubicata, difatti, in un punto differente della città, il ché significa, in soldoni, segmenti demografici molto differenti e, per questo, stili molto differenti. Minimo comune denominatore, comunque, la leggerezza e la fragranza dell’impasto, la salubrità e la stagionalità degli ingredienti e, perché no, pure una certa audacia nel comporre le farciture

A proposito dell'autore

Leila Salimbeni

Laureata in Semiotica dei consumi e, prima, in Filosofia del linguaggio, Leila Salimbeni ha sempre amato, del vino, la doppia natura, materiale e immateriale. Sempre il vino, nel tempo, la porta a occuparsi del mondo commestibile tutto, di cui adora, soprattutto, le aperture multidisciplinari. Comincia a scriverne su Spirito diVino e prosegue firmando numerose pubblicazioni nel mondo della stampa di settore